//Matteo Salvini odia la Cannabis?

Matteo Salvini odia la Cannabis?

Matteo Salvini non odia la Cannabis, è stato giovane, conosce bene gli ambienti politici di sinistra, è una persona molto più intelligente di quello che ci dicono i suoi oppositori ed ha accesso ad informazioni più dettagliate sulla situazione del nostro paese, rispetto che ha un normale cittadino con una connessione a internet e Google. Salvini conosce bene la differenza tra Canapa ed Eroina, fidati di me.

Ma allora perchè ha fatto questa battaglia, senza se e senza ma ,contro la cannabis legale?

Perchè vuole chiudere i negozi di Cannabis uno a uno?

I motivi sono 5 e sono tutti semplici:

  1. Vuole distogliere l’attenzione negativa dal suo partito.
  2. Vuole fare parlare delle sue battaglie in vista delle elezioni.
  3. Crede che il suo pubblico sia realmente contro la droga.
  4. Prende le distanze verso i suoi compagni di governo 5 stelle che sono antiproibizionisti.
  5.  Ha sbagliato battaglia.

 

I primi 4 punti li conosciamo tutti e sappiamo cosa voleva fare in concreto.

In poche parole, cambiare argomento rispetto al caso Siri è stata un’ottima mossa perchè già oggi i giornali e i social hanno tolto l’attenzione su un suo collaboratore indagato.

In periodo di campagna elettorale, prendere le prime pagine dei giornali, dei TG e viralità sui social è un ottimo modo per non far parlare gli avversari, Trump insegna, Salvini impara e sicuramente l’operazione è riuscita.

Il pubblico di Salvini conservatore, tutto di un pezzo, followa il capitano che giustamente è contro la droga,  senza se e senza ma, direi giustamente e senza nemmeno discuterne(l’argomento è ampio, ma per non sbagliare, no alla droga mette d’accordo tutti).

L’ultimo punto è legato agli avversari/amici di governo, i 5 stelle, che in maniera più ragionata vorrebbero rilanciare la pianta della Canapa, la sua commercializzazione nella versione light ed evitare di perdere il buono che è stato fatto fino ad oggi. Molti grillini si sono esposti per questa pianta, in primis il Ministro della Salute Grillo. Quindi sparare a zero senza se e senza ma contro la Canapa Legale è il modo più facile e diretto per prendere le distanze, per dire io non sono come voi.

Detto questo il piano comunicativo di Matteo Salvini, studiato, ragionato e attuato perfettamente, non ha funzionato. Perchè? Perchè ha sbagliato?

 

 

 

Innanzi tutto che abbia sbagliato non è un opinione, ma un dato di fatto,  nelle 24/48h dopo la sua battaglia, Matteo Salvini e la Lega hanno perso secondo i sondaggi il 30% dei loro voti.

 

 

E secondo perchè a distanza di una settimana il Viminale ha già stroncato le ire proibizioniste del Ministro dell’Interno, lasciando tutto come deve essere secondo la legge.

 

 

Ora al di là di come la pensiate politicamente perchè le persone non hanno seguito Matteo Salvini?

Perchè la Cannabis legale ha ricevuto un consenso così forte seppur silenzioso da parte di un insospettabile pubblico votante?

 

 

Perchè le persone ragionano, discutono, scoprono e si informano.

 

Per un cittadino Italiano ridurre lo spaccio, la dipendenza a fronte di un Marijuana al CBD è vista come una vittoria, non come una sconfitta.

 

 

Perchè per un utilizzatore di Cannabis, avere un prodotto certificato, comprato legalmente , con un filiera non criminale, alla luce del sole e non agli angoli della stazione è una vittoria e non una sconfitta.

 

 

Perchè avere della Cannabis light, coltivata e legale, senza l’aggiunta di sostanze chimiche, dannose e illegali, è una vittoria per tutti coloro che amano questa pianta e i suoi benefici.

 

 

Perchè avere un negozio sotto casa che vende CBD, sia che uno sia malato, stressato, che sia un paziente terminale o semplicemente abbia voglia di rilassarsi dopo una giornata di duro lavoro è una cosa positiva per un cittadino di un paese grande e forte come l’Itlaia.

 

 

Questa battaglia ha fallito perchè vedere un settore che parte, che ci prova, che investe, che scommette nella commercializzazione di una pianta fa bene all’economia, fa bene alle casse dello stato, fa bene ai proprietari dei negozi, fa bene ai contadini, ai proprietari degli immobili dei Canapa-Shop, fa bene agli organizzatori di eventi e fiere, fa bene a tutti, perchè un po’ di denaro sottratto alle mafie fa bene all’economia reale.

 

 

Questa battaglia ha fallito perchè la differenza tra droga pesante e leggera è enorme Le persone lo sanno, non possono fare finta di non saperlo.

Ancora di più conoscono la differenza tra Marijuana illegale e Marijuana legale, ovvero il basso contenuto di THC, l’elemento che sballa, e l’alto contenuto di CBD, l’elemento naturale che rilassa muscoli, cervello, nervi e che non ha effetti collaterali. Zero.

 

 

Lo sapeva bene anche Salvini, ma non si immaginava che così tante persone lo sapessero e che difendessero una legge Italiana, che se non fosse così travisata e così manipolata, sarebbe quasi perfetta.

 

2019-05-13T16:49:49+00:0013 5 2019|Senza categoria|